Ultimi articoli

Copenhagen vista da noi!

BIBLIOTECARI VARESINI IN VISITA UFFICIALE ALLE BIBLIOTECHE DANESI

Il sistema bibliotecario Valli dei Mulini, che ha ormai da quasi due decenni sede a Malnate, non smette di guardarsi attorno e cercare spunti di riflessione per far crescere le biblioteche con progetti e idee nuove.

Sempre si parla dell’efficienza dei Paesi del Nord Europa e della loro capacità di sviluppare biblioteche e servizi all’avanguardia.

Mossi dalla curiosità e alla ricerca di nuovi spunti, dieci bibliotecari varesini sono partiti alla volta di Copenhagen, in visita ufficiale alla biblioteca pubblica ( la central Library) ed alla biblioteca reale, meglio conosciuta come Black Diamond( diamante nero).

Biblioteca pubblica di Copenhagen – da sin. Marica Casagrande ( Azzate), Nicoletta Martarello ( Sumirago) Andrea Pozzi (Daverio), Tiziana Lualdi ( Mornago) , Tiziana Suardi ( Gallarate) Paola Riccardi ( Busto Arsizio ) e Silvia Borella ( Malnate).

La central library è la più grande delle 20 biblioteche pubbliche presenti nella capitale. Con oltre 320 impiegati, accolgono oltre 4 milioni di visite l’anno con un patrimonio di 1,1 milioni di documenti (2  per abitante). Stupefacente il grado di autonomia fornito agli utenti, che addirittura in alcune sedi possono accedere tramite un badge ( simile alla nostra carta regionale dei servizi) anche al di fuori degli orari di apertura.

Il modello di sviluppo assunto è stato denominato “Copenhagen model” ed al centro ha messo il cittadino, che vive la biblioteca come un luogo di esperienze piuttosto che come un luogo di semplice lettura.

Così all’interno della biblioteca si stavano svolgendo le votazioni per le elezioni europee ( ebbene sì era sede di seggio) e potevi in autonomia farti al momento il passaporto ( attraverso l’uso di un macchinario self service).

Altra innovazione il servizio chiamato Library online, che consiste in 9 bibliotecari che assicurano un servizio di reference tramite video chiamata a tutte e 20 le sedi bibliotecarie, trasformando così il rapporto di aiuto all’utenza ad un rapporto a distanza, da effettuarsi da casa o comodamente da schermi posizionati in biblioteca.

Nel pomeriggio i bibliotecari sono stati accolti e guidati alla scoperta della biblioteca reale, elemento architettonico di spicco in città, progetto vincitore del concorso europeo di architettura del 1993 ed edificio inaugurato nel 1999.

Interno della Black Diamond

Colpisce entrandoci l’assenza di libri, conservati in aree apposite e nell’archivio.  La biblioteca reale nacque nel 1653 con re Federico III, ed è oggi una delle più grandi biblioteche della scandinavia. Il nome della biblioteca deriva dalle lastre di granito nero, lucidato in Italia, che ricoprono quasi completamente la struttura, tagliata a metà da una vetrata composta da lastre ognuna di 6 metri di altezza.

La bellezza della struttura e la comodità delle postazioni motiva la grande presenza di studenti, a centinaia, intenti a prepararsi agli esami finali.

Bibliotecari al sesto piano della Black Diamond

Anche in questo caso il rapporto con gli addetti  è minimo, e i cittadini tendono a vivere gli spazi con grande libertà e secondariamente a sfruttare l’intermediazione dei pochi bibliotecari presenti.

Questo rappresenta il punto più controverso per noi, così abituati ad entrare in contatto con le tante esigenze degli utenti e a fondare buona parte del rapporto di lavoro sulla soddisfazione dei bisogni culturali dei cittadini attraverso l’intermediazione, che in questa realtà è quasi superata dall’autonomia dei fruitori.

Copenhagen ci lascia tornare a casa così con tanti spunti, ma ci appare abbastanza lontana dalle logiche sviluppatesi in questi anni e dal servizio delle nostre biblioteche.Ciliegina sulla torta: due delle nostre bibliotecarie sono tornate a casa certo con tanti ricordi ma senza portafoglio, quindi vi consigliamo vivamente di visitare la Danimarca perché l’accoglienza dei danesi è stata calorosa e i posti visitati meravigliosi, ma… attenti alla borsetta!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: